Una locanda di confine

Domenica scorsa sono stata a Suisio.

A Suisio ci sono: un edificio coperto da un murale, un oratorio, una chiesa settecentesca e la locanda del monaco felice, un pub che per qualche ora mi è sembrato un rifugio di confine. Un posto per storie che vanno e storie che vengono e che si incontrano per scaldarsi e per riempirsi lo stomaco.
Servono birre artigianali e cibo che sa così di buono da far chiudere tutti i conti in sospeso, gli affanni e le tristezze almeno per un po’.
E insomma come scriveva Pavese “Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via”. Vero, soprattutto se mentre te ne allontani trovi un rifugio dove dissetarti.

Io ho bevuto la Sun Flower del Birrificio Valcavallina, una golden ale che sa di agrumi e frutta tropicale, profumata e fresca, da bere e da bere ancora, almeno 3 volte. Effettivamente una birra perfetta per l’estate, ma giusta anche in inverno quando gli sbalzi termici fanno bruciare la gola.

Sun Flower Golden Ale
Questa è la Sun Flower. Io che di solito tendo a bere birre più corpose e complesse l’ho amata. Se siete tendenzialmente attirati dalle birre fresche e leggere oppure volete dissetarvi con qualcosa di buono sceglietela! Il Birrificio Valcavallina è una ricchezza del nostro territorio, come tutti i microbirrifici a dire il vero. Foto dal blog http://unabirralgiorno.blogspot.it/2013/06/valcavallina-sunflower.html
Locanda del monaco felice, cantina
La locanda del monaco felice ha una cantina che merita una visita.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...